Variazione di regolamento

E’stato deliberato dal consiglio direttivo in data 19 Luglio 2022 una variazione del regolamento riguardante la possibilità di disdire le prenotazioni fatte nell’arco delle 24 ore.

A partire dal giorno 19 luglio le eventuali disdette, solo per giustificati e imprevedibili motivi (che abbiano una certa rilevanza), possono essere effettuate solo dalla segreteria, che provvederà al reintegro delle quote trattenute”.

Il presidente

Alessandro Canetto

SCUOLA TENNIS 2021 / 22

sono aperte le iscrizioni alla scuola tennis 2021 /22 che avrà inizio Lunedì 13 Settembre.

Vi invitiamo a contattare la segreteria del circolo Tel.: 339.413.33.45

mail : segreteria@circolotennisselargius.it

Maestro Nazionale Ivano Angioni

Istruttore Fabio Canetto 347 5335228

CAMPIONATI UNDER 2021; AL VIA DAL 10 APRILE

Tutto è pronto per il campionato Under 2021 in Sardegna. Dal 10 aprile i giovani tennisti delle 137 squadre iscritte si daranno battaglia nelle seguenti categorie:

  • U10 misto: 10 squadre iscritte
  • U12M: 25 squadre iscritte
  • U12F: 12 squadre iscritte
  • U14 M: 29 squadre iscritte
  • U14 F: 19 squadre iscritte
  • U16 M: 24 squadre iscritte
  • U16 F: 10 squadre iscritte

Gli incontri intersociali si giocheranno il sabato pomeriggio, l’inizio è fissato per le ore 15.00; l’orario è posticipato alle ore 16.00 se le sedi delle due Associazioni distano almeno 150 Km.

LA FORMULA

Under 10: Gli incontri individuali di singolare e di doppio si giocheranno senza vantaggi, al meglio delle due partite su tre a sei giochi, in luogo della terza partita si giocherà un match tie-break a 10 punti.

Under 12/14/16: Gli incontri individuali di doppio si giocheranno al meglio delle due partite su tre a sei giochi, senza vantaggi, il luogo della terza partita si giocherà un match tie-break a 10 punti.

Si può giocare a tennis dal 6 novembre?

Il nuovo DPCM ha variato ancora scenario e diviso l’Italia in tre parti dal 6 novembre. Ma cosa cambia per chi gioca a tennis?

Come detto, l’ultimo Dpcm firmato dal premier Giuseppe Conte introduce significative distinzioni tra regioni a seconda delle situazioni riscontrate finora sul fronte contagi e strutture sanitarie.

Di fatto però zone gialle e arancioni dal 6 novembre non troveranno un quadro molto variato, e resterà la possibilità di praticare “l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere svolte all’aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento”, come specificato nel testo del decreto.

Decreto che però precisa l’impossibilità “nell’uso di spogliatoi interni a detti circoli”, al fine di non creare assembramenti o favorire situazioni di condivisione di spazi chiusi e solitamente ristretti.